Navigation

Somalia: Onu dichiara fine carestia, ma emergenza resta

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 febbraio 2012 - 09:14
(Keystone-ATS)

Le Nazioni Unite hanno annunciato oggi la fine dello stato di carestia in Somalia, oltre sei mesi dopo averlo dichiarato, ma avverte che l'emergenza continua. Circa un terzo della popolazione del paese devastato dalla guerra ha ancora bisogno di aiuti, ha precisato l'Unità di analisi sulla situazione della sicurezza alimentare in Somalia dell'Onu.

"L'aumento massiccio dell'assistenza umanitaria e un raccolto eccezionale hanno contribuito a migliorare la situazione umanitaria", si legge nel comunicato dell'Unità d'analisi (Fsnau) e della Rete americana di allerta sulla fame (Fews Net).

Tre zone erano state dichiarate in situazione di carestia: il medio Shabelle (Sud), Afgoye (il più grande campo di sfollati del mondo) e alcuni campi di Mogadiscio. Le condizioni ora sono migliorate e queste aree sono passate in situazione d'emergenza, che secondo l'Onu resta comunque critica.

La Somalia è stata colpita dalla terribile siccità che ha coinvolto gran parte del Corno d'Africa, ma nel Paese la crisi alimentare è stata aggravata dalla guerra civile.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?