Navigation

Somalia: uccisi 17 civili in scontri esercito-islamici

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2011 - 10:01
(Keystone-ATS)

Diciassette civili sono rimasti uccisi in Somalia da ieri in combattimenti con artiglieria pesante tra forze governative appoggiate dalle truppe dell'Unione Africana e ribelli islamici shabaab. Lo hanno reso noto fonti mediche.

I combattimenti si sono concentrati nel sud di Mogadiscio, intorno al mercato di Bakara, il più grande della città. Gli scontri sono nettamente diminuiti stamani, ma si sentono ancora sporadici colpi di artiglieria.

Un impiegato del servizio ambulanze della capitale, Hassan Mohamud, ha detto che "il numero delle vittime confermate per il momento arriva a 17: 11 sono morte ieri e altre 6 sono state uccise da tiri di artiglieria stanotte".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?