Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GINEVRA - Dall'inizio dell'anno, oltre 100mila somali sono stati costretti ad abbandonare le loro case a causa dei violenti scontri e risultano sfollati all'interno del Paese. Altri 10mila sono fuggiti nel vicino Kenya, ha affermato oggi a Ginevra l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr).
L'Unhcr si è detto "estremamente preoccupato" per la situazione nel Paese africano, dove la popolazione resta esposta agli scontri incessanti e indiscriminati, a Mogadiscio ed altrove.
Gli ultimi scontri tra le forze governative e le milizie degli insorti islamici Al-Shabaad sono concentrati nei sobborghi settentrionali della capitale e dallo scorso mese di febbraio - ha detto un portavoce dell'Unhcr - circa 33mila somali sono fuggiti dal persistente conflitto a Mogadiscio. Molti sfollati risultano ammassati in campi di fortuna.
La Somalia è tra i Paesi all'origine del più alto numero di sfollati e rifugiati. Globalmente l'Unhcr stima ad oltre un milione e 400mila il numero sfollati interni. Oltre 560mila somali vivono nei Paesi vicini come rifugiati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS