Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Simonetta Sommaruga ha cercato di rassicurare oggi chi teme che la revisione della Legge sull'asilo porti a numerosi espropri. Ciò figura nel progetto, ma non sarà utilizzato che come ultima possibilità, ha spiegato.

L'esercito ha lo stesso diritto da venti anni, ma non l'ha mai applicato, rileva la consigliera federale al domenicale SonntagsBlick. "Non abbiamo nessun interesse ad andare contro una decisione cantonale o comunale", spiega, aggiungendo che i centri d'asilo devono essere accettati dal vicinato.

La possibilità di espropriare permetterà di accelerare il processo quando si dovranno costruire centri per candidati all'asilo. I cantoni e i comuni conserveranno voce in capitolo ed è mantenuto il diritto di ricorso. Ma non sarà più possibile che un solo ricorrente possa bloccare tutto per anni, spiega la responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

Il popolo dovrà esprimersi il 5 giungo prossimo sulla revisione della legge sull'asilo, contro la quale l'UDC ha lanciato con successo un referendum. La possibilità di espropriare esiste già tra l'altro nel settore delle costruzioni stradali o delle centrali nucleari. I proprietari ricevono un indennizzo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS