Navigation

Sommaruga: le munizioni a grappolo, vietate, continuano a uccidere

La Convenzione sulle munizioni a grappolo, che ne vieta l'uso, la produzione, il trasferimento e lo stoccaggio, festeggia sabato il suo decimo anniversario. Eppure esse continuano a mietere vittime. Lo sottolineano Simonetta Sommaruga e Peter Maurer.. KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 luglio 2020 - 14:34
(Keystone-ATS)

La Convenzione sulle munizioni a grappolo, che ne vieta l'uso, la produzione, il trasferimento e lo stoccaggio, festeggia sabato il suo decimo anniversario. Eppure esse continuano a mietere vittime.

Lo sottolineano in una lettera aperta pubblicata da diversi quotidiani la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga e il presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) Peter Maurer.

Le bombe o munizioni a grappolo (dall'inglese cluster) sono degli ordigni contenenti submunizioni (bomblets) che vengono poi disperse a distanza per colpire a vasto raggio. Il tipo più comune è progettato per colpire persone e veicoli, ma esistono varianti specifiche per distruggere piste di atterraggio, linee elettriche, liberare sostanze chimiche, biologiche, incendiarie e alcune che hanno diversi effetti combinati. La quasi totalità di queste munizioni è progettata per esplodere all'impatto.

"Le munizioni a grappolo sono una delle armi più pericolose che ci siano", scrivono Sommaruga e Maurer. Negli ultimi anni questo tipo di munizioni è stato segnalato, tra l'altro, in Siria, Yemen e Libia. Inoltre - aggiungono - molti Paesi rimangono contaminati dagli ordigni inesplosi di queste armi. "Qualsiasi uso di queste armi, ovunque, da parte di chiunque, deve essere condannato", sottolineano i due.

Sommaruga e Maurer osservano poi che "questa eredità mortale della guerra non è inevitabile" e che la Convenzione sulle munizioni a grappolo, alla quale hanno aderito 108 Paesi, ha permesso di eliminare 1,5 milioni di tonnellate di queste armi ancora immagazzinate.

La seconda Conferenza di esame del Convenzione, che valuterà i progressi compiuti, si terrà a Losanna dal 23 al 27 novembre ed è presieduta dalla Svizzera.

In aprile il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) aveva indicato che la Svizzera avrebbe cercato di aumentare l'importanza politica di questo strumento di disarmo umanitario e il numero di Stati partecipanti. L'anno scorso la Confederazione ha investito 17,6 milioni di franchi nella lotta contro le mine.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.