Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La questione dei profughi nel Mediterraneo è stata al centro dell'incontro a Roma tra la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga e il premier italiano Matteo Renzi.

La consigliera federale ha chiesto all'Italia chiare garanzie, affinché gli immigrati siano registrati.

"Tutti gli Stati associati al sistema di Schengen devono onorare i propri impegni. Per la credibilità della politica europea in materia di migrazione tutti i richiedenti l'asilo devono essere registrati", ha dichiarato Simonetta Sommaruga in una conferenza stampa a Roma, dopo l'incontro con Renzi a Palazzo Chigi.

A suo avviso, finora questo scenario non è stato sempre rispettato e vi sono state lacune in tal senso, ha aggiunto la presidente della Confederazione.

La Svizzera accoglie favorevolmente le discussioni in corso in seno all'UE volte a trovare una soluzione per ospitare gli immigrati e a evitare ulteriori drammi nel Mediterraneo. Ma anche l'Italia deve assumere seriamente i suoi impegni, ha spiegato la ministra di giustizia e polizia. Come già sostenuto mercoledì scorso a Berna dopo la seduta governativa, Sommaruga ha ribadito a Roma che "le parole non bastano, occorrono fatti concreti".

La Svizzera è pronta a mettere a disposizione di FRONTEX ulteriori risorse e personale in caso di necessità, come auspica la Commissione europea, ha sottolineato la presidente della Confederazione. Nei colloqui con Renzi, Sommaruga ha peraltro ha confermato come Berna sia disposta a ospitare 3'000 rifugiati siriani nel corso dei prossimi tre anni.

Altri argomenti di discussione sono stati il "sì" del popolo svizzero alle iniziative Minder sui salari abusivi e a quella dell'UDC contro l'immigrazione di massa. Su quest'ultimo punto, la consigliera federale ha detto di voler sostenere il dialogo con l'Unione europea "pur sapendo che non è facile trovare una soluzione".

Sommaruga ha ricordato che circa 70'000 italiani figurano tra i quasi 280'000 lavoratori frontalieri in Svizzera. "Per questo motivo è anche nell'interesse dell'Italia intrattenere buone relazioni", ha rilevato la presidente della Confederazione.

In mattinata, Simonetta Sommaruga ha fatto tappa a Milano per la giornata ufficiale della Svizzera a Expo 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS