Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Simonetta Sommaruga

Keystone/MANUEL LOPEZ

(sda-ats)

La consigliera federale Simonetta Sommaruga è preoccupata per il rispetto dello stato di diritto in Turchia a seguito del fallito golpe e della sospensione di migliaia di giudici e procuratori pubblici.

I procedimenti giuridici devono essere svolti in modo equo e imparziale, ha affermato.

"Il fatto che la giustizia possa fare il proprio lavoro in modo indipendente è un principio fondamentale dello stato di diritto", ha comunicato oggi in una presa di posizione scritta la ministra di giustizia e polizia.

Come la Svizzera anche Ankara è membro del Consiglio d'Europa ed ha dunque il dovere di rispettare tale principio. "La questione se la Turchia sia in grado o meno di garantirlo, viste le sospensioni e gli arresti dei giudici, mi preoccupa molto", ha precisato.

L'Associazione svizzera dei magistrati (SVR) parla di un brutto colpo all'indipendenza della giustizia e allo stato di diritto. "Il tentato golpe è chiaramente stato sfruttato allo scopo di esonerare e criminalizzare addetti alla giustizia", si legge in una nota di ieri in cui il governo turco viene accusato di aver pianificato da tempo tale manovra. A dimostrare tale affermazione vi sarebbe - secondo l'SRV - il fatto che l'elenco in cui figuravano le migliaia di persone è comparso "come per magia" già 12 ore dopo il fallito golpe.

L'SRV sostiene che Consiglio federale e Consiglio d'Europa debbano chiedere nell'immediato e in modo chiaro alla Turchia il rispetto dell'indipendenza della giustizia e dei principi dello stato di diritto. Secondo l'associazione sono inoltre necessarie misure di protezione per gli addetti alla giustizia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS