Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il rafforzamento dei poteri dei servizi segreti sembra godere ampi favori

(sda-ats)

Sì a più poteri per i servizi segreti, sì all'iniziativa per una "economia verde", incertezza su AVSplus: sono queste le intenzioni di voto degli svizzeri a oltre un mese dall'appuntamento con le urne del 25 settembre secondo il sondaggio SSR pubblicato oggi.

I giochi - secondo gli specialisti dell'istituto di ricerca gfs.berna che hanno condotto il sondaggio su mandato della SSR - non sono però ancora fatti. Per quanto concerne le iniziative, solitamente con l'approssimarsi della data del voto la tendenza verso l'approvazione tende a calare.

Economia verde

Stando al sondaggio, il cui margine d'errore si situa attorno a +/-2,9 punti percentuali, i favorevoli all'iniziativa "Per un'economia sostenibile ed efficiente in materia di gestione delle risorse (economia verde)" sono il 61%, i contrari il 24% e gli indecisi il 15%.

La polarizzazione tra i partiti è significativa: l'elettorato dei Verdi sostiene - nella misura del 90% - la proposta, mentre i simpatizzanti dell'UDC la appoggiano "solo" con il 47%. Quanto alle altre formazioni, la maggioranza degli elettori del PS (76%), del PPD (55%) e del PLR (54%) la sostengono.

Per quanto riguarda le regioni linguistiche, nella Svizzera tedesca l'approvazione è più forte (63% di sì e 24% di no), mentre nella Svizzera italiana si riscontra il sostegno più debole (46% di sì contro 32% di no). L'elettorato romando ha una posizione intermedia (53% di sì e 24% di no).

Servizi segreti

La revisione della Legge sulle attività informative che rafforza i poteri investigativi del servizi segreti sembra godere di solidi consensi: i "sì" rappresentano il 58%, i "no" il 35% e coloro che non si esprimono il 7%. La linea di demarcazione tra favorevoli e contrari è di natura partitica: gli elettori del PLR (68%) sono i più favorevoli al progetto, mentre quelli dei Verdi (59%) esprimono l'opposizione più consistente. La maggioranza degli elettori di PS (61%) , PPD (58%) e UDC (56%) sostengono pure la modifica della LAin.

Dal sondaggio risulta anche che l'appoggio varia a seconda delle regioni linguistiche: nella Svizzera tedesca prevale un 59% di sì contro un 36% di no, mentre nella Svizzera italiana i favorevoli sono solo il 25% e i contrari il 44%. In Romandia la tendenza verso il sì è del 60% contro un 26% di no.

AVSplus

Quanto all'iniziativa popolare denominata "AVS plus: per un'AVS forte" le posizioni sembrano più incerte: il 49% del campione intervistato è favorevole, il 43% contrario e l'8% indeciso. La più alta percentuale di consensi si riscontra tra l'elettorato dei Verdi (70% di sì, 23% di no). Contrari sarebbero i simpatizzanti del PLR (59%) e dell'UDC (56%). La maggioranza degli elettori del PS (63% di sì) e del PPD (54%) sostengono l'iniziativa.

Sul piano geografico il testo raccoglie le maggiori simpatie nella Svizzera romanda (51% di sì; 33% di no). Seguono la Svizzera tedesca (49% di sì e 45% di no) e quella italofona (31% di sì e 46% di no).

Stando al sondaggio SSR, realizzato tra il 2 e il 12 agosto, il 42% degli aventi diritto di voto è intenzionato a partecipare alla consultazione popolare. L'affluenza alle urne il 9 febbraio potrebbe quindi risultare nella media delle ultime votazioni federali.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS