Navigation

Sonno, la sua qualità incide sui disturbi mentali

Dormire rigenera l'anima. KEYSTONE/EPA/ROMAN PILIPEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 maggio 2020 - 16:30
(Keystone-ATS)

La qualità del sonno può direttamente influenzare la salute mentale, causando l'anedonia (la perdita del piacere), l'ansia, la rabbia e aumentando il rischio di depressione.

Un legame, questo, messo ancor più alla prova con la lunga quarantena per il contenimento di Covid-19. A dirlo è uno studio della Flinders University di Adelaide (Australia) che è stato pubblicato su Sleep Medicine Reviews.

I ricercatori collegano la riduzione del sonno a un aumento del rischio (del 55%) di avere deficit dell'umore.

"La durata del sonno predice in modo significativo i deficit dell'umore in tutti gli stati" che ne sono legati, "inclusi l'aumento della depressione, l'ansia, la rabbia, l'affetto negativo e il ridotto affetto positivo", dice Michelle Short, ricercatrice che ha condotto l'analisi.

Meno sonno è collegato a una probabilità di avere una maggiore rabbia dell'83%, a un aumento del rischio di avere un sentimento depressivo del 62% e a un rischio di ansia del 41% più elevato.

"Fortunatamente, ci sono molti interventi che le persone, le famiglie, le comunità e persino le politiche pubbliche possono sostenere per mantenere per avere un sonno regolare tra la popolazione a rischio, per ridurre la probabilità che questi problemi si riversino in disturbi di salute mentale che poi necessitano di cure cliniche", spiega.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.