Navigation

Sonova: l'utile netto cala del 40%

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2011 - 10:05
(Keystone-ATS)

Il gruppo zurighese Sonova, leader mondiale nella fabbricazione di apparecchi acustici, ha registrato nel primo semestre dell'esercizio 2011/12 un utile netto di 103,7 milioni di franchi, in calo del 39,6% su un anno.

In diminuzione anche l'utile operativo (Ebit), passato a 123,1 milioni di franchi (-36,6%). A causa del rafforzamento del franco, il giro d'affari - cifra anticipata già in ottobre - è calato dell'8,2% a 763 milioni. I cambi hanno pesato per il 16,5% sul fatturato, precisa una nota odierna della società.

A condizionare l'andamento degli affari è stato anche il richiamo, nel novembre 2010, di un particolare tipo di impianto cocleare negli Stati Uniti, apparecchio riammesso sul mercato americano da metà settembre 2011 (in Europa già dall'aprile scorso).

Per l'esercizio corrente il gruppo ha confermato le previsioni: s'attende una crescita delle vendite in valute locali compresa tra l'8 e il 10%.

A tassi di cambio costanti, gli effetti monetari dovrebbero gravare sui ricavi per un buon 13%. Per l'esercizio in corso Sonova si aspetta quindi una flessione del giro d'affari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?