Navigation

Sordi discriminati: più di 100 casi l'anno scorso

L'anno scorso la Federazione svizzera dei sordi ha registrato 106 casi di discriminazione, ovvero più del doppio rispetto al 2017. Nell'immagine d'archivio una interprete della lingua dei segni. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2020 - 15:52
(Keystone-ATS)

L'anno scorso la Federazione svizzera dei sordi (FSS) ha registrato un totale di 106 casi di discriminazione, ovvero più del doppio rispetto al 2017.

Questi episodi continuano nonostante la protezione contro la discriminazione dei disabili sia iscritta in diverse leggi elvetiche.

L'aumento è significativo, poiché nel 2017 si registravano 52 casi e 76 nel 2018, si legge in un comunicato odierno dell'organizzazione. Una crescita "particolarmente inquietante" è stata osservata nei settori "lavoro e impiego" e "sanità".

Ad esempio, le assicurazioni malattia e gli ospedali rifiutano spesso di coprire le spese degli interpreti della lingua dei segni per le terapie o i consulti medici. Nel mondo del lavoro, le ore pagate mensilmente dall'AI per gli interpreti sono raramente sufficienti.

Tutto questo porta a numerosi fraintendimenti e, in alcuni casi, alla rottura del rapporto di lavoro. In tale maniera le persone sorde diventano incapaci di condurre una vita autonoma e sono sempre più spinte verso la disoccupazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.