Tutte le notizie in breve

Un razzo Falcon 9 di Space X

KEYSTONE/AP FLORIDA TODAY/CRAIG BAILEY

(sda-ats)

Space X è pronta a riprendere i voli per mettere in orbita i satelliti già da domenica prossima.

Lo ha annunciato la società californiana fondata da Elon Musk, precisando di aver individuato la causa dell'esplosione del razzo vettore Falcon 9, che nel settembre scorso aveva portato allo stop dei voli.

L'esplosione, avvenuta a Cape Canaveral il primo settembre 2016 e causata da un difetto in uno dei serbatoi di ossigeno liquido nel secondo stadio del razzo, aveva distrutto un satellite israeliano per telecomunicazioni che tra le altre funzioni aveva quella di supportare il progetto Internet.org di Mark Zuckerberg, che ha l'obiettivo di portare la connessione nei Paesi in via di sviluppo.

Per arrivare a determinare le cause dell'incidente la compagnia di Hawthorne, che ha già rinviato due volte la ripresa dei lanci, ha esaminato oltre 3000 canali di feed video e telemetria per i 93 millisecondi che sono trascorsi dai primi segni di cedimento fino all'esplosione del razzo.

I voli potrebbero riprendere già domenica prossima se la società riceverà l'autorizzazione dalla Federal Aviation Administration statunitense. SpaceX progetta di utilizzare il Falcon 9 per lanciare 10 satelliti per la rete di Iridium Communications, l'unico servizio attualmente esistente di telecomunicazione satellitare globale.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve