Navigation

Spagna, dopo corsa a sportelli in Bankia torna la calma

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2012 - 16:38
(Keystone-ATS)

Dopo la notizia sulla corsa agli sportelli per ritirare un miliardo di euro di depositi negli ultimi giorni si sono moltiplicati gli appelli alla tranquillità da parte del governo e dei responsabili di Bankia ai risparmiatori.

Oggi, dopo il rimbalzo delle azioni del gruppo in Borsa, la situazione in molti degli sportelli madrileni appariva di calma apparente. Lunghe file per i prelievi davanti agli sportelli del quartiere centrale del Retiro nella Capitale, ma anche per la semplice richiesta di informazioni da parte dei clienti, preoccupati dei propri risparmi.

"Per ora tutti gli impiegati ci dicono che non ci sono problemi", spiega Alba Valverde, docente universitaria di 45 anni. "Avevo pensato di trasferire il conto corrente in un'altra banca, ma ritengo che non si debba attuare in maniera allarmistica, altrimenti Bankia realmente crolla. Preferisco per ora restare, anche se nell'incertezza".

Lo stesso vale per Jesus Alvarez, 62 anni, broker assicurativo, che in Bankia ha il conto corrente per i depositi, ma aveva anche investito in azioni del gruppo, aderendo alla Ops dello scorso anno. "Sono preoccupato e sorpreso, perchè si presume che quando un gruppo come Caja Madrid realizza una fusione con altri 6 istituti di credito, ci sia un'autorità che vigili che le cose siano fatte bene, invece la Banca di Spagna non ha vigilato", commenta.

"Ma per ora non ha senso vendere i titoli, spero ancora in una ripresa, anche se da tempo stiamo assistendo alla svalutazione". Nervosismo e preoccupazione, che in numerosi casi hanno portato clienti di Bankia a trasferire i depositi in istituti di credito ritenuti più solidi, come il Bbva o il Santander, come conferma Marta Nio, dirigente dell'agenzia della Caixa del Nio Jesus, nello stesso quartiere del Retiro. Anche se "è impossibile determinare il volume della fuga di capitali", assicura.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?