Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Io credo che quella di domenica sia stata una giornata storica e che appena un anno fa nessuno se lo poteva immaginare. Lo dice il leader di Podemos, Pablo Iglesias, in un'intervista riportata da "Repubblica" dopo il voto locale in Spagna.

"Questa primavera è cominciato il cambiamento, e ciò ci dà un grande impulso in vista delle elezioni generali, dove ci troveremo in una posizione tale da poter aspirare alla vittoria" aggiunge Iglesias.

"Speriamo - spiega - che tutti capiscano qual è il messaggio che hanno dato i cittadini, e si rendano conto che per intendersi con noi non si possono applicare le politiche di austerità che sono state realizzate fino ad ora. Le istituzioni servono per difendere la gente. Partendo da questi presupposti, siamo aperti a dialogare con chiunque".

"Noi - prosegue - abbiamo già dimostrato che stiamo nelle istituzioni per fare cose concrete. La prima cosa che faranno i nostri deputati sarà ridursi lo stipendio. E, a partire da questo, scommettere su politiche sociali e di difesa dei cittadini, fondamentali per avviare qualsiasi dialogo". Iglesias aggiunge quindi che le condizioni fondamentali del suo movimento per accordi di programma sono "tolleranza zero sulla corruzione, scommessa sulla difesa dei diritti sociali e limitare la politica di tagli".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS