Navigation

Spagna: inchiesta tangenti Jordi Pujol junior, 11 imputati

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2014 - 21:38
(Keystone-ATS)

Si allarga l'inchiesta sulle presunte tangenti per 8 milioni di euro incassate da Jordi Pujol Ferrusola, il primogenito dell'ex presidente catalano e patriarca di CiU, Jordi Pujol, in cambio di appalti pubblici concessi fra il 2004 e il 2012. In un'ordinanza emessa oggi, il giudice istruttore dell'Audiencia Nacional, Pablo Ruz, ha citato in veste di imputati 11 persone, in gran parte familiari di Jordi Pujol Ferrusola - che si presume fossero e utilizzati come prestanome di transazioni finanziarie - e imprenditori collegati a Convergencia Democratica de Catalunya, il partito fondato da Jordi Pujol senior.

Agli imputati, che dovranno comparire davanti al magistrato fra il 12 e il 13 novembre, sono contestati i reati di riciclaggio di capitale, reati contro il fisco e falso.

Il giudice Ruz ha inoltre citato in veste di testimoni altre 27 persone e ha sollecitato informazioni in Messico ed Andorra e richiesto il sequestro di fondi che potrebbero appartenere a Pujol Ferrusola e alla sua ex moglie Mercé Gironés.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?