Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MADRID - Madrid anche oggi, per il secondo giorno consecutivo, nel caso a causa dello sciopero dei lavoratori della metropolitana, che hanno deciso come ieri di non rispettare l'obbligo di 'servizio minimo'.
Dall'alba code chilometriche e enormi ingorghi paralizzano la capitale spagnola. Il blocco della rete di Metro Madrid e' totale. I circa due milioni di passeggeri che ogni giorno usano la metropolitana per spostarsi nella capitale hanno preso d'assalto gli autobus o circolano a bordo di decine di migliaia di auto private in piu' rispetto alle giornate normali.
I lavoratori della metropolitana rifiutano il taglio dei loro stipendi del 2,15% previsto dalla Comunita' (regione) di Madrid in applicazione delle misure di austerita' decise per ridurre il deficit pubblico dal governo del premier Jose' Luis Zapatero, che fra l'altro hanno introdotto un taglio medio del 5% delle retribuzioni dei dipendenti pubblici.
Oggi il governo regionale, presieduto dalla 'dama di ferro' del Partido Popular Esperanza Aguirre, ha reso noto di avere avviato misure disciplinari contro 200 impiegati di Metro Madrid per il non rispetto delle disposizioni sul servizio minimo. I sindacati spagnoli Ugt e Ccoo hanno avvertito che lo sciopero della metropolitana di Madrid e' un primo passo in vista dello sciopero generale previsto il 29 settembre contro le misure decise dal governo Zapatero.

SDA-ATS