Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MADRID - Il fatto di aggredire il capo ufficio, con spinte e calci da karateka, non è una ragione sufficiente per il licenziamento: lo ha stabilito il tribunale superiore di giustizia dell'Andalusia.
I giudici andalusi, riferisce oggi il quotidiano economico spagnolo Expansion, hanno dato ragione a un impiegato che contestava di essere stato licenziato per avere aggredito il suo datore di lavoro. L'episodio, secondo il tribunale andaluso, "non ha la gravità necessaria a costituire motivo di licenziamento".
Il dipendente irascibile, dirigente di una ditta immobiliare, si era alterato con il capo dell'azienda perché aveva capito - ha spiegato ai giudici - che questi voleva licenziarlo adducendo come motivo un calo di produttività. Prima ha quindi insultato il suo capo dandogli del "codardo, svergognato e ladro", poi lo ha minacciato gridandogli: "Non m'importa di andare in prigione, ti perseguiterò, andrò a casa tua a fare giustizia".
Poi lo ha spintonato più volte, facendolo cadere. Quindi, mentre a questo punto veniva trattenuto da alcuni presenti, ha cercato di colpirlo a calci, "lanciando pedate da karateka". L'incidente è stato citato nella lettera di licenziamento consegnata poco dopo all'uomo il quale ha presentato ricorso ai tribunali.
Secondo i giudici andalusi, che gli hanno dato ragione, gli insulti e l'aggressione al datore di lavoro "vanno considerati nella situazione e nel contesto in cui si trovava in quel momento" il dipendente. "Se il suo comportamento poteva meritare una sanzione", aggiungono, "certamente non era misura adeguata il licenziamento, la sanzione più grave che esiste nell'ambito del lavoro".
La sentenza ha suscitato, rileva Expansion, parecchi commenti critici. Per il giurista Inigo Sagardoy il tribunale andaluso "cade di nuovo nella dottrina, tristemente ricorrente in alcune nostre sentenze sul lavoro di sminuire fortemente il comportamento di un lavoratore con la giustificazione di stati d'animo alterati: bisognerebbe invece essere molto più severi con questo tipo di condotta".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS