Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MADRID - Uno sciopero generale in Spagna contro l'ultimo giro di vite deciso dal governo del premier socialista José Luios Zapatero è probabile, ha detto oggi il leader di uno dei due principali sindacati del Paese, Ignacio Fernandez Toxo, segretario delle Coimision Obreras (Ccoo). "Probabilmente ne avremo uno", ha affermato oggi ad Alicante. Il leader dell'altro grande sindacato spagnolo, l'Ugt, Candido Mendez, ha detto ieri di non escludere alcuna opzione.
Uno sciopero dei pubblici dipendenti è previsto già per l'8 maggio. "Ccoo lavora già come se nel Paese dovesse esserci uno sciopero generale", ha detto Toxo, aggiungendo che "dipende dal governo se avrà luogo o meno". Il consiglio dei ministri spagnolo ha approvato ieri sera il nuovo giro di vite annunciato la settimana scorsa da Zapatero, che prevede in particolare una riduzione media del 5% degli stipendi degli statali, il congelamento delle pensioni dal 2011, tagli alla spesa sociale e agli investimenti pubblici.
Le nuove misure puntano a far risparmiare allo stato 15 miliardi di euro nel 2010 e nel 2011 e ad accelerare di un ulteriore 1,5% il calo del deficit pubblico entro il 2011 (dall'11,2% nel 2009 al 6%). "Giungere a uno sciopero generale é un dramma, ma a volte necessario", ha avvertito Toxo. Una tregua sociale è in vigore in Spagna fra i due grandi sindacati e il governo socialista dall'arrivo di Zapatero al potere nel 2004.

SDA-ATS