Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MADRID - Il premier socialista spagnolo José Luis Zapatero ha detto oggi a Madrid di prevedere un futuro aumento delle tasse per i redditi più alti, senza però precisare quando e in che forma la misura potrebbe essere adottata.
In una conferenza stampa tenuta a margine del vertice Ue-Patto Andino, Zapatero ha indicato che l'aumento "si farà al momento ritenuto opportuno dal governo, in funzione del suo programma di riduzione del deficit e di consolidamento fiscale" del paese. "La maggioranza dei cittadini ritiene che lo sforzo debba essere più grande per chi ha di più", ha detto il premier.
La settimana scorsa Zapatero ha annunciato un improvviso giro di vite, con l'obiettivo di ridurre di un ulteriore 1,5% per il 2011 il deficit pubblico, che a fine 2009 ha toccato l'11,2%. La Spagna si è impegnata con Bruxelles a tornare sotto il tetto del 3% per il 2013. All'inizio dell'anno il governo Zapatero aveva già annunciato tagli della spesa pubblica per 50 miliardi di euro in tre anni.
Le nuove misure annunciate la settimana scorsa da Zapatero prevedono fra l'altro una riduzione del 5% degli stipendi degli statali nel 2010, tagli alla spesa sociale e agli investimenti pubblici, e anche un congelamento delle pensioni.

SDA-ATS