Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo gli spari di ieri contro la polizia a Bruxelles, due persone sono state fermate nel corso delle perquisizioni effettuate durante la notte, ma i due fuggitivi scappati dopo lo scontro a fuoco sono ancora in fuga.

Lo ha detto il procuratore federale titolare dell'inchiesta, precisando che al momento non è certo che i due fermi siano coinvolti nella sparatoria.

Una bandiera dell'Isis è stata ritrovata dentro l'appartamento da cui sono partiti gli spari contro la polizia. Sono stati rinvenuti anche 11 caricatori per kalashnikov e tantissime munizioni.

La persona uccisa dalla polizia durante lo scontro a fuoco è un algerino che si trovava in Belgio illegalmente. Accanto all'uomo (nato nel 1980), oltre alla bandiera dell'Isis, è stato rinvenuto anche un libro sul salafismo.

Le operazioni di polizia e le perquisizioni nell'area di Forest si sono concluse nelle prime ore della mattina. È stato tolto ogni limite alla zona di sicurezza e il traffico è tornato normale. Anche le scuole della zona sono state riaperte.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS