Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Spazio: space X, missione riuscita a metà per Falcon 9

Dopo una serie di tentativi falliti per diverse motivazioni, è riuscito a decollare Falcon 9, il razzo di SpaceX la società di proprietà del patron di Tesla Elon Musk che sta tentando la strada dei viaggi spaziali commerciali.

Sebbene sia riuscito a mettere in orbita un satellite per le telecomunicazioni il razzo ha però fallito, per l'ennesima volta, il previsto atterraggio di rientro in verticale su una nave-drone al largo della Florida.

Falcon 9 è decollato con un ritardo di nove giorni per condizioni meteo avverse, ma anche problemi con il carburante, un'invasione dell'area di sicurezza e vento in quota. Poi ha spiccato il volo questa notte alle 00:35.

Ha rilasciato con successo in orbita geostazionaria il satellite per le telecomunicazioni della società Ses-9, che ha sede a Lussemburgo. "Lancio riuscito, siamo in orbita", ha annunciato il commentatore della diretta web, John Insprucker. Ed Elon Musk ha twittato: "Raggiunta altitudine 40.600 metri. Grazie a SES Satellites per aver scelto Falcon 9".

Nella fase di rientro, però, il primo stadio del razzo, alto quasi 70 metri, si è schiantato sulla nave robotica sulla quale doveva atterrare verticalmente. Anche se non è stato possibile assistere a questo momento perché lo streaming in diretta si è interrotto pochi istanti prima, Musk ha poi diffuso su Vine un video in cui si vede il razzo colpire con forza la piattaforma e finire in mare.

È la terza volta che SpaceX non riesce a far atterrare verticalmente il razzo. Ogni Falcon 9 costa circa 60 milioni di dollari e poter far atterrare e riutilizzare anche solo parte del razzo comporterebbe un significativo risparmio per Space X. "Il prossimo volo avrà una sorte migliore", ha scritto Musk su Twitter.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.