Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'unico satellite dell'Ecuador ha smesso di funzionare dopo una collisione con dei detriti di un vecchio razzo russo verificatasi lo scorso maggio, appena un mese dopo il suo lancio in orbita. Lo ha annunciato ieri sera l'Agenzia spaziale ecuadoriana.

Le operazioni per cercare di recuperare il segnale dal nanosatellite Nee-01 Pegaso si sono concluse senza successo, ha detto l'agenzia: "Non vi è attualmente alcun modo per recuperare segnale".

Pegaso, un cubo di 10 centimetri ed 1,2 kg di peso, fatto partire dalla stazione cinese di Jiuquan il 25 aprile, resterà tuttavia in orbita fino al 2023.

Una settimana dopo aver inviato le prime immagini dello spazio in tempo reale, Pegaso ha urtato i resti di un razzo russo del tipo S14 lanciato nel 1985: un incidente verificatosi a 1.500 km d'altezza sopra le coste del Madagascar.

Il lancio di Pegaso era stato seguito dal presidente ecuadoriano Rafael Correa dalla centrale di comando situata a Guayaquil, la seconda città del Paese, in una cerimonia in grande stile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS