La Confederazione investe molto nella ricerca, le spese in questo ambito sono raddoppiate in dodici anni passando a 2,1 miliardi di franchi nel 2012. Rispetto al 2010, anno in cui si era svolta la rilevazione precedente dell' Ufficio federale di statistica (UST), c'è stato un aumento del 17%.

L'importo di 2,1 miliardi di franchi è versato alla ricerca essenzialmente sotto forma di contributi (1,9 miliardi, +18% rispetto al 2010) destinati a sostenere programmi in Svizzera e all'estero. Il maggior beneficiario è stato il Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS) con 878 milioni di franchi, precisa un comunicato dell'UST.

Le spese restanti (242 milioni, +7%) comprendono le spese sostenute dalla Confederazione stessa e quelle legate a dei mandati affidati a organismi esterni. Le prime sono aumentate del 12% in due anni, raggiungendo i 139 milioni, le seconde dell' 1%, a 103 milioni.

L'effettivo del personale della Confederazione attivo nella ricerca è aumentato del 5% tra il 2010 e il 2012, passando da 1483 a 1560 persone. Questa progressione bilancia il calo del 6% osservato tra il 2008 e il 2010.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.