Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le spese pubblicitarie in Svizzera sono aumentate nel 2014 segnando una progressione dell'1,4% a 4,88 miliardi di franchi. Da notare però che in dicembre vi è stato un leggero calo (-0,4% su un anno).

Dal 2011 l'insieme del mercato della pubblicità si è stabilizzato intorno ai 4,8 miliardi, ha comunicato oggi l'istituto specializzato Media Focus.

Nel 2014 la pubblicità per l'alimentazione è cresciuta dell'1,6% a 508,3 milioni di franchi, quella per le auto dello 0,4% a 457,7 milioni. Le spese pubblicitarie per iniziative e campagne politiche sono aumentate del 9,2% a 354,8 milioni . Il commercio al dettaglio - nell'anno in rassegna - ha sborsato 351,5 milioni (+5,7%).

Nel solo mese di dicembre, Migros e Coop hanno speso rispettivamente il 39,1% e il 7,5% in più rispetto allo stesso mese del 2013, Swisscom il 28,6% in meno e Nestlé l'11,2% in meno.

Nel 2014 tra i settori principali hanno segnato un calo quello dei cosmetici e dell'igiene del corpo (-6% a 331,2 milioni), delle telecomunicazioni (-8,5% a 218,2 milioni) e della moda e sport (inclusi orologi e gioielli) (-3,1% a 282,9 milioni). In dicembre Swisscom ha speso il 28,6% in meno per le sue spese pubblicitarie.

Dal 2012 la TV assorbe più pubblicità in Svizzera rispetto alla stampa scritta (quotidiana, regionale e domenicale). Questo è stato anche il caso dell'anno scorso con rispettivamente il 32,9% e 27,3% del mercato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS