Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una donna cingalese, recatasi in Arabia saudita per lavorare come domestica, è stata tenuta segregata dal 'padrone' come una schiava per 17 anni, senza mai uscire di casa o poter contattare la famiglia, in una stato di prostrazione che l'ha portata perfino a dimenticare la sua lingua natale. Lo scrive oggi il quotidiano Daily Mirror.

Kusuma Nandini, 56 anni, è arrivata a Riyadh nel 1994 per accettare un posto di domestica presso una famiglia. Ma il rapporto di lavoro, ha raccontato Sunil Wijesinghe, consigliere per i problemi sociali dell'ambasciata cingalese in Arabia saudita, si "è trasformato immediatamente in un incubo".

Privata del passaporto, la donna è stata "letteralmente fatta prigioniera", obbligata a lavorare in casa senza mai uscire e senza ricevere retribuzioni per 15 anni, costituendo, ha assicurato Wijesinghe, un vero e proprio primato nella storia dei servizi domestici, spesso difficili, in Arabia saudita. Due anni fa, inoltre, Kusuma è stata "regalata" dal suo datore di lavoro al fratello che, pur mantenendola nelle stesse condizioni di servitù, ha cominciato a versarle un salario.

La vicenda è venuta alla luce allorché la figlia della donna, che ha 25 anni, ha presentato una denuncia al ministero degli Esteri a Colombo. Fonti diplomatiche hanno indicato che quando è stata salvata Kusuma "sembrava un robot", "non poteva parlare la sua lingua ed aveva dimenticato di avere famiglia".

"Solo dopo un incontro con altri cingalesi in ambasciata - ha concluso Wijesinghe - la domestica ha cominciato a ricordare episodi del suo passato ed a formulare le prime incerte frasi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS