Navigation

Stadler Rail: netta crescita del fatturato nel 2019

I nuovi treni Giruno prodotti da Stadler Rail KEYSTONE/WALTER BIERI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2020 - 08:35
(Keystone-ATS)

Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail ha proseguito la sua crescita nel 2019. Il fatturato è aumentato lo scorso anno del 60% a 3,2 miliardi di franchi.

Lo stesso andamento si è registrato per le nuove commesse (+60%) che si sono attestate a oltre 5 miliardi, stando a cifre provvisorie pubblicate oggi.

Le entrate di ordinazioni hanno raggiunto un livello inedito, così come le commesse in portafoglio, ha precisato la società con sede a Bussnang (TG). Stadler Rail sottolinea come gli affari concernenti i servizi e la manutenzione abbiano nettamente superato le attese. I contratti firmati hanno raggiunto gli 800 milioni di franchi.

È invece atteso al di sotto delle previsioni (-6%) l'utile operativo Ebit. L'azienda imputa tale risultato agli investimenti realizzati nelle nuove tecnologie, in particolare nell'ambito della trazione, delle batterie nonché nello sviluppo di un nuovo modello di tramway.

L'evoluzione dell'Ebit ha fatto i conti anche con sovraccosti per taluni progetti, tra cui in particolare quello con la compagnia britannica East Anglia, come pure con effetti di cambio sfavorevoli, in particolare per quel che riguarda le corone norvegesi e svedesi, precisa la ditta. Inoltre, il gruppo ha visto progredire i suoi effettivi a circa 10'500 impieghi a tempo pieno.

L'anno scorso, Stadler Rail ha consegnato complessivamente 444 composizioni, tra cui il treno ad alta velocità Giruno per le FFS, con un aumento dell'80% in termini di volume.

Per quanto riguarda l'esercizio in corso, l'azienda turgoviese prevede una nuova progressione a due cifre dei ricavi. Ma l'alto livello degli investimenti nonché oneri supplementari peseranno sui margini. Il gruppo conferma pure i suoi obiettivi finanziari a medio termine.

I risultati dettagliati dell'esercizio 2019 saranno pubblicati il prossimo 5 marzo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.