Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio degli Stati ha approvato oggi, con 31 voti contro 12 e 1 astenuto, una revisione legislativa proposta dal consigliere nazionale Ruedi Lustenberger (PPD/LU) che prevede di inserire la formazione degli apprendisti fra i criteri di selezione per attribuire gli appalti pubblici.

Lo scopo della revisione della Legge sugli acquisti pubblici è lottare contro la mancanza di posti di apprendistato, anche se ultimamente la penuria si è attenuata. Si tratta di rafforzare il sistema della formazione duale in vigore in Svizzera, hanno affermato diversi oratori.

Una minoranza si è invano opposta al progetto sostenendo che questo provocherà burocrazia inutile. Il criterio che si vuole introdurre non c'entra niente con gli acquisti pubblici, contrariamente ad altri indicatori come il prezzo o il termine di consegna, ha da parte sua sostenuto Hans Hess (PLR/OW).

Rispetto alla versione adottata dal Nazionale, gli Stati hanno deciso di limitare il nuovo criterio agli appalti che non sono sottoposti ad obblighi internazionali. Si tratta di assicurare un accesso non discriminato ai subappaltatori esteri che non possono adempiere tale condizione. Il dossier torna alla Camera del popolo.

SDA-ATS