Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I giovani che assolvono il servizio civile vanno maggiormente impiegati nelle scuole. È quanto deciso oggi - senza opposizioni - dal Consiglio degli Stati approvando la revisione della Legge sul servizio civile.

Il Nazionale aveva invece stralciato questo punto dalla riforma.

La possibilità di utilizzare i civilisti nel sostegno alla formazione e all'educazione scolastica è uno dei punti centrali della riforma. Consiglio federale e Camera dei cantoni vogliono poter impiegare i giovani in larga scala nelle classi quali sostegno ai docenti incaricati.

Il consigliere federale Johann Schneider-Ammann ha affermato che i civilisti non verrebbero utilizzati nell'insegnamento, ma in altri compiti, come la sorveglianza di bambini e ragazzi durante la pausa pranzo, la ricreazione, le gite, nelle biblioteche.

In base alla nuova legge, i civilisti potranno anche dare una mano agli agricoltori, specie in ambiti quali la protezione della natura, dell'ambiente, del paesaggio. Rispetto alla versione adottata dal Nazionale, gli Stati - con 36 voti contro 8 - hanno anche voluto aggiungere la possibilità di impiegare i giovani in progetti relativi alla conservazione di beni culturali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS