Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nell'ambito dell'inchiesta su tre iracheni, presunti membri del sedicente Stato islamico (IS), arrestati nel marzo 2014, il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha avviato un'indagine su un quarto sospetto sostenitore dell'organizzazione terroristica.

Lo ha detto all'ats lo stesso MPC, confermando una notizia odierna dei quotidiani "Tages-Anzeiger"e "Der Bund", secondo i quali il quarto uomo sarebbe il cognato di uno dei tre arrestati e sarebbe a piede libero.

Il MPC, che non ha fornito precisazioni sulla quarta persona, prevede che gli interrogatori finali dei quattro presunti membri dell'organizzazione jihadista si svolgano questo autunno.

Essi sono accusati di appartenenza e sostegno a una organizzazione criminale - l'IS appunto - e di pianificazione di un attentato terroristico in Europa, da compiere con esplosivi o gas tossici.

I tre iracheni sono stati arrestati in una retata a fine marzo dopo che il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) aveva ricevuto informazioni da un servizio segreto di un Paese terzo che aveva monitorato le loro telecomunicazioni. Uno di loro viveva nel canton Argovia, un altro presso Sciaffusa e il terzo ha dato come ultimo domicilio Damasco, la capitale siriana. Ora sono in carceri del canton Berna.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS