Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I salari dei manager di piccole e medie aziende quotate in borsa sono nettamente aumentati negli ultimi anni riducendo la differenza con quelli dei vertici delle grandi imprese.

Lo rivela uno studio della società di consulenza PricewaterhouseCoopers (PwC), illustrato oggi in una conferenza stampa a Zurigo.

Nel 2014 la retribuzione mediana dei direttori delle piccole aziende quotate in borsa è aumentata del 16,1% (a 1,4 milioni) rispetto al 2007 e nelle medie aziende (SMIM) è cresciuta del 19,4% (a 3,4 milioni); per contro negli ultimi otto anni è diminuito il salario mediano dei Ceo delle società dello SMI, passato da 8,1 milioni di franchi a 7,5 milioni (-7,9%), indica l'analisi di PwC.

Simile l'evoluzione subita dallo stipendio medio: l'anno scorso un Ceo di una società SMI ha guadagnato mediamente un quinto in meno rispetto a otto anni prima: 7,6 milioni di franchi contro i 9,5 milioni nel 2007, ha sottolineato lo specialista del PwC Remo Schmid.

Nettamente inferiori rispetto a quelle dei manager sono risultate le retribuzioni dei presidenti dei consigli di amministrazione: l'anno scorso lo stipendio mediano di un presidente del cda di una società dell'SMI è stato di 1,1 milioni di franchi (+12,4% rispetto al 2007), quello di un presidente del consiglio di amministrazione di una società SMIM è progredito dell'80% a 692'000 franchi. Hanno guadagnato meno invece i presidenti dei cda delle piccole aziende: 315'000 franchi (-5,8% rispetto al 2007).

Lo studio sottolinea inoltre che nel 2014 la parte degli stipendi dei manager retribuita in azioni era maggiore rispetto a quella del 2007: nelle SMI rappresentava l'anno scorso il 50% del salario (33% otto anni fa) e nelle medie aziende il 35%, (il 30%).

Dopo l'entrata in vigore "dell'ordinanza contro le retribuzioni abusive nelle società anonime quotate in borsa" vi sono stati valori meno sproporzionati nelle retribuzioni, ha detto il professore Alexander Wagner dell'università di Zurigo e coautore dello studio. Se ciò sia da attribuire alla nuova normativa o in generale all'evoluzione nelle capacità dei dirigenti aziendali (Corporate Governance) è difficile da giudicare, ha detto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS