Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Este es un nuevo dia": esordisce in spagnolo il presidente degli Stati Uniti Barack Obama promettendo "prima o poi" la fine dell'embargo quando prende la parola insieme a Raul Castro dopo una storica stretta di mano e un bilaterale di due ore e mezza.

È a fine di un'epoca, ma non ancora del duello su diritti umani e democrazia, sui quali i due leader hanno ribadito con "franchezza" le loro "profonde differenze" impegnandosi tuttavia ad "accettarle" e a cooperare, "privilegiando i legami che uniscono i due Paesi e i due popoli", come ha sottolineato Castro.

Ma nella inattesa (per Castro) conferenza stampa finale, il presidente cubano è stato messo in imbarazzo quando un giornalista della Cnn, figlio di un cubano, gli ha chiesto perché nell'isola dei Castro ci sono i prigionieri politici. "Prigionieri politici? Mi dia la lista. Se ci sono, prima che cali la notte saranno liberati", si è difeso stizzito Raul, all'indomani della retata che ha portato in carcere una cinquantina di attivisti per i diritti umani, comprese una ventina delle "Damas de blanco", le moglie dei dissidenti in carcere.

Poi è passato al contrattacco, invitando a non politicizzare il tema e chiedendo tempo. "Nessun Paese al mondo rispetta tutti i 61 diritti umani" definiti a livello internazionale, mentre "Cuba ne rispetta 47", ha accusato, elencando quelli tutelati nell'isola, come la salute, l'educazione, la parità di salario tra uomini e donne". Diritti non scontati negli Usa, come denunciano anche i candidati democratici alla Casa Bianca, anche se Castro preferisce non entrare nella campagna presidenziale americana ("Trump o Hillary? Non voto negli Usa").

Obama accetta le rampogne di Castro sui talloni d'Achille americani "perché non dobbiamo essere immuni o timorosi delle critiche" ma sui diritti umani resta fermo pur senza salire in cattedra, sottolineando che la revoca dell'embargo da parte del Congresso dipende in parte anche dai progressi su questo terreno. Ma, pur non sapendo dire quando, promette che "l'embargo finirà" perché "quello che abbiamo fatto per oltre 50 anni non è servito né ai nostri interessi né agli interessi del popolo cubano".

Per Castro la revoca è "essenziale", l'embargo resta l'ostacolo principale per aprire una "nuova strada" nella relazioni tra i due Paesi, dopo i "risultati concreti" ottenuti in questi 15 mesi di disgelo con accordi e memorandum proseguiti anche oggi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS