Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Secondo la Commissione dei trasporti del Consiglio degli Stati il nuovo fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA) permetterà di pianificare al meglio sia gli investimenti per le future opere sia gli interventi per la manutenzione della rete.

La commissione ha approvato l'entrata nel merito sul progetto del Consiglio federale senza opposizioni. Il dossier dovrebbe essere esaminato durante la sessione autunnale del parlamento: prima di allora la commissione dovrà ancora trattare i dettagli del progetto.

Il FOSTRA dovrebbe essere alimentato con i proventi dell'imposta sugli autoveicoli e mediante un aumento di 6 centesimi del prezzo dei carburanti dal 2018, così come proposto dall'esecutivo nel suo messaggio alle Camere dello scorso 18 febbraio.

A differenza del fondo infrastrutturale esistente, il FOSTRA avrà durata indeterminata e sarà sancito nella Costituzione. Il Fondo sarà alimentato, oltre che dalle entrate supplementari generate dalla tassa sui carburanti, anche dai proventi dell'imposta sugli autoveicoli, che negli ultimi anni sono stati di circa 375 milioni di franchi annui.

Un ulteriore intervento prevede, non prima del 2020, che anche le auto elettriche partecipino al finanziamento. Queste misure dovrebbero generare un gettito supplementare di circa 800 milioni di franchi nel periodo 2018-2030.

Accanto al FOSTRA saranno mantenuti sia il Finanziamento speciale per il traffico stradale, che consente di finanziare i contributi ai Cantoni, sia la destinazione vincolata della metà del gettito d'imposta sugli oli minerali. I contributi alle strade principali nelle regioni di montagna e nelle regioni periferiche, attualmente a termine, saranno versati a tempo indeterminato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS