Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Strage Arizona: choc America, cauto ottimismo per la Giffords

TUCSON - Gabrielle Giffords, la deputata democratica dell'Arizona gravemente ferita in una strage ieri a Tucson, continua a lottare contro la morte, anche se i medici nutrono un "cauto ottimismo". L'America è sotto choc, a Washington le bandiere sono a mezz'asta, il presidente Barack Obama ha chiesto per domani alla nazione un momento di silenzio. E la politica al vetriolo viene messa sotto accusa.
I medici che l'hanno operata all'University Medical Center della città del sud dell'Arizona, hanno spiegato che la deputata "ha reagito ai comandi". La donna potrebbe farcela, ma non è affatto detto che Gabbi, come viene chiamata a Tucson da amici ed elettori, potrà tornare un giorno a una vita normale e alla politica. Parte del cranio è esploso sotto i colpi d'arma da fuoco, e capire quali siano le lesioni esatte è difficile.
Fbi e polizia locale sono a caccia di un eventuale complice di Jared Lee Loughner, il ragazzo di 22 anni autore della strage che con un arma semi-automatica ha ucciso sei persone (tra cui una ragazzina di nove anni, Christine, nata l'11 settembre 2001), e ne ha ferite 14. Il direttore dell'Fbi Robert Mueller ha comunque parlato di un atto isolato, spiegando che Loughner potrebbe rientrare nella casistica di un 'lupo solitariò, e che la seconda persona su cui si indaga non sarebbe direttamente coinvolta nella sparatoria.
Secondo i medici dell'Umc i 10 ricoverati lì sarebbero ormai fuori pericolo, avendo lasciata l'unità di cure intensive dove si trova la Giffords. Uno di loro è stato dimesso.
"Una strage impossibile da prevedere". Victor Aquino, un tassista ispanico di 67 anni, è categorico. Scambiamo alcune battute con lui di fronte al Toscana Village, lo shopping mall che ospita il Safeway, il supermercato della strage. Il centro commerciale in falso stile toscano, una assurdità architettonica in mezzo ai cactus e al deserto del sud dell'Arizona, è stato totalmente isolato dalla polizia.
All'interno del perimetro, ci sono decine di auto, molte delle quali dell'Fbi, a cui è stata affidata l'inchiesta sotto la direzione diretta del numero uno Robert Mueller, secondo cui Loughner aveva già partecipato a un comizio o un incontro politico, che non di rado si svolgono nei supermercati in America, con la Giffords.
"Questo è un quartiere ricco e tranquillo, e Tucson è più famosa per il suo clima che per i suoi delitti. Non capiamo come sia stato possibile. I quartieri violenti, e tutto è relativo, sono ad ovest e qui siamo a nord", prosegue Aquino prima di aggiungere: "Il ragazzo non abitava lontano e ha studiato a pochi chilometri da qui".
Nei pressi dell'ospedale dove Gabbi è ricoverata, vicino al piccolo altare illuminato da decine di candele, parliamo con Steve Farley, capogruppo democratico alla Camera statale dell'Arizona, un amico personale della Giffords.
Con parole molto pacate, Farley spiega che i toni della politica si sono troppo alzati e oggi vediamo "che tipo di violenza può provocare l'odio. Bisogna tornare a una discussione più tranquilla e civile", al di là delle idee politiche. "Vede - aggiunge il deputato statale all'opposizione in Arizona - le persone venute qui a pregare o ad accendere candele non chiedono vendetta, ma che l'amore sostituisca l'odio". Le richieste di Farley non sembrano essere cadute nel nulla: a Washington le bandiere sono a mezz'asta, e Capitol Hill ha deciso di fare una sorta di pausa di riflessione.
Nell'affollata conferenza stampa all'ospedale universitario di Tucson, il dottor Peter Rhee e il dottor Michael Lemole, che hanno operato la Giffords, hanno confermato il loro cauto ottimismo, ma hanno voluto evitare qualsiasi speculazione sul futuro perchè 'è troppo presto, e non tutti i pazienti reagiscono allo stesso modo, anzi".
"La manteniamo in coma artificiale, e ogni tanto la svegliamo per vedere come sta. La paziente, che non è in grado di parlare, ha reagito ai comandi, ed è un buon segnale, soprattutto così rapidamente. Per questo un cauto ottimismo è legittimo", anche se per un recupero totale in casi di questo tipo "ci vogliono mesi se non anni".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.