Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Alle 11:00 di oggi (le 17:00 in Svizzera) l'America si ferma per "un minuto di silenzio e riflessione", come lo ha definito il presidente, Barack Obama, dopo la strage di Tucson. Intanto i dottori del Medical Center dell'Università dell'Arizona hanno confermato che la deputata Gabrielle Giffords, ferita alla testa nella sparatoria di sabato scorso, è entrata nelle 48 ore cruciali ai fini del suo recupero.
La donna è da ieri in coma artificiale. Il suo decorso postoperatorio dopo l'intervento chirurgico di 2 ore a cui è stata sottoposta procede in modo regolare, ma i medici non si sbilanciano sulle sue possibilità di farcela. "Siamo cautamente ottimisti" avevano detto ieri i due chirurghi che l'hanno operata, precisando che la paziente era reattiva ai comandi.
Nel frattempo è emerso che Gabrielle Giffords deve la vita, in particolare, al prontissimo intervento di un suo collaboratore ispanico. Il giovane, Daniel Hernandez, di 20 anni, era a dieci metri da lei quando è stata colpita. È stato il primo a intervenire, il primo a tamponare l'emorragia, a farla continuamente parlare, a tenerla sveglia. "Era cosciente e in grado di parlare" ha detto Hernandez, che ha cominciato a lavorare per la Giffords solo la settimana scorsa. I medici hanno detto che il suo rapido intervento è stato determinante ai fini del contenimento dei danni cerebrali, che avrebbero potuto essere irreparabili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS