Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Alle 11:00 di oggi (le 17:00 in Svizzera) l'America si ferma per "un minuto di silenzio e riflessione", come lo ha definito il presidente, Barack Obama, dopo la strage di Tucson. Intanto i dottori del Medical Center dell'Università dell'Arizona hanno confermato che la deputata Gabrielle Giffords, ferita alla testa nella sparatoria di sabato scorso, è entrata nelle 48 ore cruciali ai fini del suo recupero.
La donna è da ieri in coma artificiale. Il suo decorso postoperatorio dopo l'intervento chirurgico di 2 ore a cui è stata sottoposta procede in modo regolare, ma i medici non si sbilanciano sulle sue possibilità di farcela. "Siamo cautamente ottimisti" avevano detto ieri i due chirurghi che l'hanno operata, precisando che la paziente era reattiva ai comandi.
Nel frattempo è emerso che Gabrielle Giffords deve la vita, in particolare, al prontissimo intervento di un suo collaboratore ispanico. Il giovane, Daniel Hernandez, di 20 anni, era a dieci metri da lei quando è stata colpita. È stato il primo a intervenire, il primo a tamponare l'emorragia, a farla continuamente parlare, a tenerla sveglia. "Era cosciente e in grado di parlare" ha detto Hernandez, che ha cominciato a lavorare per la Giffords solo la settimana scorsa. I medici hanno detto che il suo rapido intervento è stato determinante ai fini del contenimento dei danni cerebrali, che avrebbero potuto essere irreparabili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS