Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Omar Mateen pensava di sopravvivere all'attacco al Pulse di Orlando, dove ha ucciso 49 persone e ne ha ferite 53, e sperava di poter compiere altri attentati. Lo affermano i media Usa.

Gli investigatori, dopo aver scoperto che all'interno del camioncino parcheggiato vicino alla discoteca c'erano "molte munizioni", pensano che tra i potenziali obiettivi dopo il Pulse potesse esserci il ristorante House of Blues.

Secondo quanto affermato da tre fonti anonime, dopo aver aperto il fuoco intorno alle 02:02 ora locale del 12 giugno, Mateen voleva uscire dal club, ma si è trovato di fronte un agente ed è stato costretto a rientrare. Il giovane americano di origini afghane era stato poi ucciso durante uno scontro a fuoco con 13 agenti intorno alle 5 di mattina.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS