Navigation

Strage Oslo: polizia sospende ricerche corpi isola Utoya

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2011 - 14:02
(Keystone-ATS)

La polizia norvegese ha sospeso oggi le ricerche dei corpi e dei dispersi nell'isola di Utoya, dove 68 persone, quasi tutti adolescenti e giovani, sono state uccise per mano dell'estremista anti-islamico Anders Behring Breivik. Breivik, attualmente "sospettato di omicidio", verrà ascoltato domani dagli agenti, afferma l'emittente Bbc. Ma il processo, hanno detto i procuratori a Oslo, non potrà essere tenuto prima del 2012.

Anders Behring Breivik, che ha riconosciuto essere l'autore della strage di venerdì scorso a Oslo, non potrà essere incriminato e processato prima del 2012, ha detto il procuratore del re, Tor Aksel Busch, la più alta autorità della procura generale in Norvegia, alla radio pubblica Nrk.

"L'incriminazione non sarà pronta prima della fine dell'anno. E sarà il punto di partenza. Poi speriamo di poter celebrare un processo nel corso dell'anno prossimo", ha spiegato il procuratore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.