Navigation

Stragi Norvegia: Breivik chiede liberazione immediata

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 febbraio 2012 - 18:50
(Keystone-ATS)

Anders Behring Breivik ha chiesto di essere scarcerato. La dichiarazione è giunta in aula, durante l'ultima udienza preliminare del processo a suo carico, quando l'uomo accusato delle stragi di Oslo e Utoya, ha avuto la possibilità di rivolgersi alla corte.

L'accusa ha da parte sua chiesto che Breivik, ritenuto responsabile dell'uccisione di 77 persone lo scorso 22 luglio, trascorresse in carcere le dodici settimane di attesa per il processo, che si svolgerà il 16 aprile. E la corte ha accolto l'istanza.

Breivik, che durante le precedenti udienze aveva ammesso tutte le accuse che gli sono state rivolte, ha chiesto che gli venga conferita una medaglia al valore per le azioni commesse, a suo giudizio, a favore del popolo norvegese.

Breivik ha poi chiesto la sua "liberazione immediata" sostenendo che la strage da lui commessa è stata "un attacco preventivo contro dei traditori della Patria". Il 32enne entrando nella sala della Corte ha fatto un saluto, secondo il suo avvocato, indirizzato ai militanti di estrema destra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?