Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il "sì" odierno alla Strategia energetica 2050 è un primo passo decisivo, secondo l'Associazione delle aziende elettriche svizzere (AES). Molti cantieri restano però aperti, come quello dell'auto-approvvigionamento o quello delle tariffe dell'elettricità.

Si tratta di un'adesione chiara alle energie rinnovabili, come l'idroelettrica svizzera, colonna vertebrale della nostra produzione, si legge in una nota. L'AES ricorda comunque che è ancora incerto il modo in cui verranno raggiunti gli obiettivi fissati. L'Associazione ha ricordato infine gli aiuti di cui disporranno le centrali idroelettriche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS