Tutte le notizie in breve

FFS presenta Strategia 2020

KEYSTONE/TI-PRESS/SAMUEL GOLAY

(sda-ats)

Viaggi combinati da porta a porta, stazioni digitali, vagoni merci intelligenti e aumento delle capacità di trasporto grazie alle nuove tecnologie: queste alcune delle innovazioni che le FFS vogliono portare avanti nell'ambito della Strategia 2020.

La mobilità sta vivendo una profonda trasformazione. Le esigenze dei clienti si trasformano molto rapidamente ed altri vettori di trasporto stanno guadagnando terreno - sia per quel che riguarda i prezzi che in termini di sostenibilità.

La Strategia FFS 2020, che prevede più di 100 programmi e iniziative, è già stata oggetto di discussioni con le parti interessate e alla fine del 2016 è stata accolta positivamente dalla Confederazione, si legge in una nota diffusa in vista di una conferenza stampa convocata stamane a Zurigo.

Per tenere sotto controllo i costi, le FFS hanno già lanciato il programma RailFit 20/30 che comporterà a medio termine la soppressione di 1400 posti di lavoro e la creazione di altri 200 impieghi per il personale specializzato che dovrà far fronte alla crescita del traffico.

L'azienda intende inoltre aumentare i ricavi e il grado di sfruttamento dei treni ed ha istituito un fondo per l'innovazione dotato di 12 milioni di franchi.

Fra gli obiettivi della strategia di sviluppo dell'ex regia figura anche un aumento della capacità di trasporto della rete ferroviaria fino al 30%. La rete ferroviaria svizzera è già oggi una delle più trafficate al mondo. Grazie alla digitalizzazione, le FFS prevedono di potere far circolare dal 2025 più treni, con un orario più denso e con meno ritardi e disguidi. Allo studio c'è anche la possibilità di ricorrere a convogli telecomandati.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve