Navigation

Studenti bernesi violenti a Berlino non ammessi maturità

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 aprile 2011 - 15:22
(Keystone-ATS)

Tre dei quattro studenti bernesi che agli inizi di febbraio hanno rubato soldi e cellulare ad una coppia durante un viaggio di classe a Berlino non potranno partecipare agli esami di maturità della prossima estate.

In seguito alla loro sospensione dal liceo di Köniz-Lerbermatt dopo i fatti nella capitale tedesca, non hanno frequentato a sufficienza la scuola.

Uno dei quattro, espulso per minor tempo dall'istituto, potrà affrontare gli esami solo se adempie alcune condizioni, precisa oggi la Commissione cantonale di maturità, sottolineando che non si tratta di una misura disciplinare.

Secondo le indagini della polizia berlinese, l'aggressione era avvenuta alle quattro del mattino nel quartiere alternativo di Prenzlauer Berg. I quattro studenti svizzeri hanno prima gettato a terra un uomo di 38 anni e poi hanno aggredito la donna 27enne che lo accompagnava. La coppia è rimasta leggermente ferita. La polizia è riuscita a risalire velocemente al gruppo di studenti.

Una decina di giorni dopo il viaggio, la commissione scolastica del liceo di Köniz-Lerbermatt li aveva sospesi per 12 settimane e aveva anche imposto loro di prestare un'attività di interesse pubblico per nove settimane. I giovani hanno inoltrato ricorso contro tale decisione. In un caso le autorità competenti hanno ridotto a otto settimane la sospensione da scuola.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo