Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale studierà un nuovo sistema per pilotare l'offerta medico-ambulatoriale e appoggia un postulato in tal senso della commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati.

E' quanto emerge dalla risposta pubblicata oggi sul sito del Parlamento, senza alcun commento, dove il governo propone di accogliere il postulato.

Nel postulato si afferma: "il Consiglio federale è incaricato di studiare, in collaborazione con le principali parti interessate, diverse varianti/scenari per la futura gestione strategica secondo il bisogno delle autorizzazioni dei medici a fatturare a carico dell'AOMS e di presentare un rapporto in merito".

"Nel rapporto - afferma ancora il postulato - il Consiglio federale dovrà fissare un limite massimo e un limite minimo per ogni categoria che aggiornerà e pubblicherà in seguito periodicamente. I Cantoni gestiranno le autorizzazioni nella loro sfera di competenza nel quadro dei limiti prescritti. Il rapporto dovrà inoltre mostrare come le autorizzazioni possano essere gestite anche mediante le tariffe e studiare la possibilità di consentire agli assicuratori di non concludere contratti con singoli fornitori di prestazioni appartenenti a categorie in cui il numero di fornitori autorizzati sia superiore al limite stabilito dal Consiglio federale".

"La limitazione non deve essere riferita soltanto agli studi medici, ma anche al settore ambulatoriale degli ospedali".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS