Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Note mediocri per i servizi via internet degli enti pubblici elvetici: confrontata con altri 31 paesi in Europa la Svizzera raggiunge solo il ventiduesimo posto nell'ambito dell'e-Government. Lo dimostra uno studio voluto dalla Commissione europea.

Paragonato a un'analoga ricerca del 2009 la Svizzera è comunque migliorata: allora aveva infatti ottenuto l'ultimo posto, assieme a Croazia, Romania e Bulgaria. Secondo lo studio pubblicato oggi il 70% dei servizi amministrativi sono ottenibili online, mentre nel 2009 si raggiungeva solo il 32%.

Nonostante i passi avanti le autorità elvetiche sono ancora lontane dall'82% di media raggiunto dai paesi UE. I risultati migliori sono stati ottenuti da Austria, Italia, Malta, Portogallo e Svezia, evidenzia un'analisi effettuata dalla società zurighese di consulenza Capgemini. Fanalini di coda Grecia e Cipro.

Potenzialità di miglioramento sono state rilevate soprattutto nell'ambito della trasparenza così come nella possibilità di seguire il corso di un'operazione o di ottenere informazioni sulla durata di una prestazione. In queste tematiche la Svizzera ha ancora molto distacco dagli altri paesi.

Per lo studio vengono valutati oltre 10'000 siti internet amministrativi di 32 paesi diversi. Dal 2001 la commissione europea monitora annualmente i progressi dell'e-Government in Europa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS