Tutte le notizie in breve

Le donne tedesche lavorano poco e vengono pagate male, studio OCSE (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Le donne tedesche lavorano poco e vengono pagate male. È quello che emerge da uno studio dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

"Il modello dell'uomo che guadagna da solo o comunque porta lo stipendio maggiore a casa è ancora dominante", si legge. Se il 70% delle donne lavora, solo un 30% ha un 'full time'. E con venti ore alla settimana, scrive la Dpa riportando lo studio, si tratta di un tempo dedicato al lavoro piuttosto breve.

Nelle coppie che hanno un solo figlio, le donne contribuiscono con il 22,6% alle entrate familiari. E questo è il risultato peggiore su 15 Paesi in Europa. Le donne si sentono costrette per lo più a ridurre il tempo dedicato alla professione per gli orari di apertura rigidi di asili e scuole. E nel tempo libero si occupano molto del lavoro domestico. Lo scarto fra gli stipendi di uomini è donne è del 21%.

Un fattore essenziale è anche la circostanza che, se hanno figli piccoli, le donne vogliono restare a casa per occuparsene: la scelta del part-time non è però sempre reversibile (in full-time) e per questo, nel dibattito pubblico, si parla di "trappola".

La cultura del lavoro femminile è poi diversa nell'est e nell'ovest del Paese: un residuo dei tempi della divisione della Germania. Nel 2002, il 50% delle donne nell'ovest rispondeva di ritenere che nell'età prescolare dei figli la mamma dovesse astenersi dal lavoro; nel 2012, la percentuale di chi coltiva questa convinzione è calata al 20%. Nell'est, nel 2002 solo il 17% delle donne la pensava così, e dieci anni dopo la percentuale è calata sotto il 10%. Un'eredità della DDR, che ha sempre promosso il lavoro femminile.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve