Navigation

Su rinvio stranieri, UDC farà duplice campagna con immagini choc

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2010 - 18:08
(Keystone-ATS)

BERNA - Il controprogetto diretto all'iniziativa "per l'espulsione degli stranieri che commettono reati (Iniziativa espulsione)" ne impedirà il rinvio sistematico. Lo ha ribadito questo pomeriggio l'UDC in una conferenza, in cui ha annunciato che condurrà una duplice campagna: per il suo progetto e contro quello elaborato dal parlamento. Farà leva su immagini scioccanti.
Su un viso presumibilmente appartenente a uno straniero vi è una fascia nera che lo nasconde parzialmente con la scritta "Ivan S. stupratore e ben presto in Svizzera?". L'immagine si ripete con altre scritte: "Faruk B., assassino", "Ismir K., truffatore sociale" e "Maurice C., pedofilo".
Secondo i democentristi, il controprogetto impedirà l'espulsione sistematica dei criminali stranieri. Alludendo al diritto internazionale, il controprogetto offre un margine di manovra "straordinario" alle autorità giudiziarie, che non faticheranno a conferire maggior peso ai diritti del condannato, che non alla sicurezza, ha affermato il consigliere nazionale vodese André Bugnon.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.