Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La consigliera nazionale socialista Jacqueline Fehr (ZH) ha annunciato oggi pomeriggio la sua candidatura alla successione di Moritz Leuenberger in Consiglio federale. La sezione cantonale del PS zurighese deve ancora confermare la decisione lunedì sera in un congresso straordinario.
Non si tratta di una vera sorpresa: alla metà di agosto, di ritorno dalle ferie, la Fehr aveva infatti dichiarato di voler prendere ancora del tempo per riflettere su un'eventuale candidatura.
Jacqueline Fehr ha 47 anni ed è domiciliata a Winterthur (ZH). Insegnante di scuola secondaria di formazione, siede in consiglio nazionale dal 1998 e da due anni è vice-presidente del PS svizzero.
Il PS svizzero "si rallegra" della candidatura della Fehr, definita in una nota una politica "che ha dato prova delle sue competenze e di spirito di squadra". Jacqueline Fehr è in effetti considerata una politica con una profonda conoscenza dei dossier e in grado di trovare soluzioni - come è stato il caso per l'assicurazione maternità - che piacciono anche ai partiti di centro-destra. I suoi campi prediletti di attività sono la politica famigliare, i trasporti, la formazione e la sanità.
Finora quattro donne socialiste hanno annunciato una candidatura alla successione di Moritz Leuenberger. Oltre alla Fehr, si sono dette disponibili anche la consigliera nazionale sangallese Hildegard Fässler, la consigliera agli Stati bernese Simonetta Sommaruga e la ministra delle finanze di Basilea Città Eva Herzog.
Le sezioni cantonali del PS hanno tempo fino a lunedì per presentare le loro proposte. Mercoledì primo settembre i candidati saranno ascoltati dal comitato direttivo del partito e il giorno seguente dal gruppo parlamentare. Il "ticket" con le candidature definitive del PS sarà reso noto entro il 14 settembre.
Per il PLR sono finora cinque i candidati in corsa per la successione di Hans-Rudolf Merz. Si tratta della consigliera agli Stati sangallese Karin Keller-Suter e di quattro deputati al Consiglio nazionale: lo zurighese Ruedi Noser, Peter Malama di Basilea Campagna, il ticinese Ignazio Cassis e il bernese Johann Schneider-Amman.
Il gruppo liberale-radicale terrà le sue audizioni il 3 o il 4 settembre. Anche il PLR intende annunciare le candidature definitive al più tardi il 14 settembre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS