Il presidente del PPD svizzero, Gerhard Pfister, ribadisce nella stampa domenicale che non intende succedere in Consiglio federale a Doris Leuthard, che si ritira alla fine di quest'anno.

Malgrado l'appello di altri partiti, assicura che rinuncerebbe all'elezione da parte dell'Assemblea federale il prossimo 5 dicembre. "Escludo una candidatura", afferma il consigliere nazionale di Zugo in un'intervista pubblicata da vari settimanali. "Nel caso improbabile" di un'elezione contro la mia volontà "dichiarerei che non posso accettare e che l'Assemblea federale dovrebbe scegliere qualcuno tra i candidati ufficiali del PPD".

Pfister spiega di aver rinunciato all'accessione al governo accettando la presidenza del partito. "Sono sempre stato del parere che il presidente di un partito non debba accedere al Consiglio federale a un anno dalle elezioni", dice facendo allusione al rinnovo del Consiglio nazionale del 20 ottobre 2019. Lo zughese vede nei persistenti appelli alla sua candidatura le "caratteristiche di una campagna" volta a squalificare il partito o a destabilizzarne la direzione a pochi mesi dalle elezioni federali.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.