Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel Sud Sudan, in preda a violenze da alcuni giorni, almeno un casco blu dell'Onu di nazionalità cinese è rimasto ucciso ieri sera per un colpo di mortaio contro una base delle Nazioni Unite, che ne ha feriti gravemente almeno altri tre.

È quanto scrivono vari media, fra cui il cinese South China Morning Post, citando il ministero degli esteri di Pechino.

Già ieri si era diffusa la notizia della morte di un peacekeeper quando è stata colpita la base Onu, ma non era ancora nota la sua nazionalità, che è stata confermata oggi dalla Cina.

Poco più di un mese fa un altro casco blu cinese perse la vita nel Mali.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS