Navigation

Sudafrica: sciopero; numerosi assalti a scuole

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 agosto 2010 - 12:19
(Keystone-ATS)

JOHANNESBURG - Sempre più tesa la situazione in Sudafrica, nel secondo giorno di sciopero ad oltranza indetto dai sindacati del settore pubblico: numerosi incidenti si segnalano in diverse parti del Paese, con i lavoratori "molto aggressivi" che tentano di bloccare ogni attività. Lo riferiscono i media sudafricani.
Il ministero per l'Educazione riferisce di "numerosi assalti, danneggiamenti e intimidazioni nelle scuole". Circa 110.000 gli insegnanti che hanno aderito alla protesta.
A Durban, terza città del Paese, un gruppo di lavoratori che si fa chiamare Bafana (i ragazzi, lo stesso nome affibbiato alla nazionale ai Mondiali di calcio) fa tappa nelle sedi delle istituzioni pubbliche per "interrompere l'attività". "Abbiamo chiuso sette ospedali", ha detto un portavoce del gruppo. Bloccato anche l'accesso all'obitorio della città.
Situazione critica anche a Johannesburg, dove si registrano numerosi episodi di intimidazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.