Omar al-Bashir, al potere da oltre 25 anni, è stato confermato presidente del Sudan ancora una volta ottenendo consensi 'bulgari', il 94% dei voti.

Lo ha reso noto la commissione elettorale, riferendo di un'affluenza di poco superiore al 46%. Per il voto, si erano registrate 11 milioni di persone. Ma i seggi a Khartoum sono stati disertati. Bashir, che prese il potere con un golpe nel 1989, è l'unico capo di Stato che deve rispondere di genocidio di fronte alla Corte Penale Internazionale, per il conflitto in Darfur.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.