Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KHARTOUM - Si sono aperti questa mattina in Sudan i seggi per le prime elezioni multipartitiche del paese dal 1986. Sedici milioni di elettori sono chiamati a scegliere il nuovo presidente, a rinnovare il parlamento e i governi locali. Inoltre il Sudan meridionale, regione in cui per il prossimo anno è previsto un referendum per l'autodeterminazione, deve scegliere il leader.
Davanti ad alcuni seggi, aperti alle 8:00 (locali, le 7:00 in Svizzera), si sono già formate lunghe file mentre ancora si prepara il materiale per le votazioni.
Sulla regolarità della consultazione, su cui vigilano osservatori internazionali di vari organizzazioni, gravano forti dubbi.
I principali oppositori del presidente Omar al Bashir si sono ritirati denunciando irregolarità e una sua presenza preponderante sulle televisioni e sulla stampa.
Così la riconferma del presidente, su cui pende un'incriminazione da parte della Corte penale internazionale per crimini di guerra e contro l'umanità, appare scontata. Come quasi certa è la riconferma del leader del Sud Sudan Salva Kiir Mayardit del Movimento per la Liberazione del Popolo Sudanese (Splm).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS